La guida alla digitalizzazione aziendale  

Firma online

3 min

Pubblicato 6 Lug, 2022

Firme illeggibili: sono legalmente riconosciute?

Patricia Boateng

Patricia Boateng

Content manager Italy

Illustrazione: Mélusine Vilars

Indice

Non ci sono leggi che stabiliscano quali caratteristiche deve avere una firma. C’è quindi una certa libertà nel scegliere che tipo di firma si vuole utilizzare. Se estesa e leggibile con nome e cognome o solo cognome, se una sigla o uno scarabocchio. Ma in ambito legale, per considerare un documento valido, è davvero permesso sottoscrivere con una sigla o una firma illeggibile? In questo articolo ti spieghiamo quando sono accettate e quando invece si possono contestare.

Sommario

  • Firme leggibili e illeggibili
  • Come contestare una firma illeggibile
  • Firmare con Yousign

Firme leggibili e illeggibili

Non esistono ad oggi disposizioni specifiche che impongano firme leggibili o estese o che vietino di ricorrere ad una semplice sigla. Basti pensare alle firme talvolta incomprensibili delle ricette mediche.

L’unica regola che deve rispettare una sottoscrizione è infatti quella di essere “redatta di proprio pugno, con la funzione di certificare l’attribuibilità del documento a colui che l’ha firmato”. L’importante è che sia quindi riconducibile e attribuibile al firmatario. 

Difatti, il gesto di apporre una firma su un atto serve a ricondurre la persona alla dichiarazione, indipendentemente dalla leggibilità della sottoscrizione. 

Per firma leggibile s’intende una firma scritta per esteso, che permetta di leggere e comprendere chiaramente il nome e il cognome, o solamente il cognome. Deve ovviamente essere posta in corsivo poiché firmare in stampatello non è legalmente valido. 

La sigla firma è invece una sintesi di una firma estesa, solitamente composta dalle iniziali del nome e il cognome. Assieme allo scarabocchio, rientra nella categoria delle firme illeggibili. Secondo quanto affermato precedentemente, possiamo quindi affermare che firmare le firme con sigla sono legalmente riconosciute, non essendoci leggi che vietano il loro utilizzo.

Ad ogni modo, pur non essendoci norme che specifichino come si debba firmare, ci sono alcuni divieti. Non si puo’ firmare con segni grafici come per esempio una X (ad eccezione di persone analfabete), con figure geometriche (quadrati, cerchi), o disegni. 

Come contestare una firma illeggibile

Esclusi i casi sopracitati, la validità di una firma illeggibile si determina a seconda del tipo di documento firmato: 

  • Atti notarili e pubblici: s’intende per atto pubblico un contratto stilato dal pubblico ufficiale in presenza del cliente. Quest'ultimo dovrà poi firmare il documento in questione davanti al notaio o pubblico ufficiale.
    Dal momento che il notaio ha il compito di garantire l’identità del firmatario, spetta a lui certificare la riconducibilità della firma al sottoscritto.
    Di conseguenza, nel caso venisse apposta una firma illeggibile o una sigla, il notaio potrebbe certificare la sua autenticità e il documento non verrebbe quindi considerato invalido o nullo. Tuttavia, secondo la Cassazione, si potranno disporre delle sanzioni disciplinari unicamente a carico del pubblico ufficiale che ha permesso di sottoscrivere con una firma illeggibile. 
    Nel caso in cui fosse il firmatario a voler disconoscere la propria firma, dovrà ricorrere invece ad una querela di falso. (Articolo 221 del Codice di procedura civile).

  • Atti privati: un atto privato è un documento firmato senza la presenza di un pubblico ufficiale. Anche in questo caso una firma leggibile è preferibile ma non obbligatoria. In questa situazione, se il suo presunto autore volesse contestarla, dovrebbe avviare un procedimento di disconoscimento al fine di rendere il documento privo di valore. Per farlo, bisogna procedere prima che questo venga riconosciuto e considerato legalmente vincolante. 
    Contrariamente agli atti pubblici, quando si ha a che fare con atti privati, spetta alla controparte dimostrare l’autenticità della firma apposta dalla persona che la contesta, mettendo in pratica una verificazione della scrittura privata. (Articolo 216 del Codice di procedura civile) 

Firmare con Yousign

Come avrai notato la firma autografa, che sia estesa o composta da una sigla, porta con sé vari rischi come il fatto di essere contestata dall’autore stesso o dalla controparte. Ad oggi infatti ci sono poche tutele verso la firma scritta di proprio pugno, e in caso di controversie si devono per forza sprecare soldi e tempo nei tribunali tra querele e disconoscimenti. Come evitare tutto ciò? Passa alla firma elettronica di Yousign! 

In un mondo che si sta digitalizzando sempre più giorno dopo giorno, passare alla firma elettronica è difatti una scelta più che vantaggiosa sotto qualsiasi punto di vista.  In questo panorama Yousign si distingue per essere la soluzione di firma elettronica ideale.

Se vuoi risparmiare del tempo è indubbiamente la soluzione giusta. Spesso, infatti, si ricorre alla firma con la sigla per questioni di tempistiche, quando per esempio si ha un gran numero di documenti da firmare a mano e non si ha il tempo o la voglia di apporre una firma estesa e leggibile. Con Yousign puoi firmare la quantità di documenti che desideri in una volta sola, nel giro di pochissimi minuti e in qualche click

Altri vantaggi? Puoi firmare elettronicamente ovunque tu sia, da remoto, su un qualsiasi dispositivo digitale. Il tuo nome e cognome appariranno sul documento caricato in un semplice click. Non avrai quindi bisogno di recarti fisicamente alla sede. Ma in caso tu lo desideri, Yousign ti permette anche di disegnare personalmente ed elettronicamente la tua firma, in modo da poterla personalizzare.

La firma elettronica è inoltre legalmente vincolante in quanto conforme alle normative eIDAS, al contrario di certe firme autografe talvolta prive di valore legale. 

Al fine di rafforzare la sicurezza della firma, Yousign offre anche la possibilità di aggiungere degli step per verificare l’identità del firmatario. Questo avviene con un codice OTP nel caso di una firma con OTP, o con un documento di riconoscimento se si opta per una Firma Elettronica Avanzata. Contestare questi tipi di firma risulterebbe alquanto difficile. Se vuoi saperne di più, ti invito a leggere questo articolo per capire quale tipo di firma elettronica fa più al caso tuo. 

Articoli consigliati

Più articoli

Prova Yousign gratuitamente
per 14 giorni

Unisciti ora alle +10000 imprese che hanno deciso di digitalizzare i processi di firma in modo sicuro, semplice e legale.

cta illustration